Berlusconi: l’elicottero batte in testa.

La spending review in casa Berlusconi colpisce anche i trasporti. Il bilancio 2013 appena depositato del Consorzio Elicotteri Fininvest (Cefin) attesta infatti che lo scorso anno il velivolo di proprietà Agusta Westland 139 ha avuto un tempo di ore/volo pari a 54 ore e 35 minuti, con una riduzione del 63,2% rispetto alle 98 ore e 10 minuti dell’anno precedente. La riduzione delle ore volo fatturate alle società consorziate, a parità di tariffe orarie praticate, ha determinato una diminuzione dei ricavi per servizi di elitrasporto scesi anno su anno da 404.583 euro a 272.917 euro con una miniperdita finale di circa 9.000 euro.
Il Cefin fa capo per il 79% direttamene a Fininvest e per il restante 22% alla Dolcedrago ed è presieduto da Daniele Pellegrino, direttore generale della holding del Biscione. L’elicottero Agusta Westland 139 è un concentrato di tecnologia che vanta tre ore di autonomia e un sistema avanzato che gli consente di viaggiare di notte in condizioni di visibilità ridotta. Nel bilancio il costo originario del velivolo di 7,5 milioni è diminuito a 1,9 milioni, al netto degli ammortamenti che si sono accumulati nel corso degli anni. L’elicottero non viene usato soltanto dall’ex premier, ma anche da tutta una serie di manager di Fininvest e Mediaset.
In Cefin, comunque, figurano quasi 7 milioni di crediti che per larga parte (6,2 milioni) riflettono il saldo del conto deposito di liquidità acceso presso il consorziato Fininvest, sul quale è stata depositata la liquidità eccedente il normale fabbisogno di gestione. Rispetto al 2012 questa voce è salita di 741.630 euro derivante da depositi di liquidità (700.000 euro) e per il residuo dall’accredito in conto degli interessi maturati.

Advertisements