Trattativa amara per la Guzzanti.

C’è da augurarsi che il “Tg Porco” lanciato qualche giorno fa da Sabina Guzzanti su YouTube abbia migliore fortuna delle sue iniziative imprenditoriali. Qualche giorno fa, infatti, a Roma si è riunita l’assembla della Secol Superbo e Sciocco Produzioni srl che vede la Guzzanti azionista al 95% mentre il restante 5% è della madre Germana Antonucci.

La riunione è servita per coprire, mediante parziale utilizzo dei 69.000 euro della riserva di utili portati a nuovo, la perdita di 50.000 euro verificatasi nel bilancio 2014, il secondo esercizio dell’attività, nel quale il fatturato anno su anno è sceso da 217.243 a 154.820 euro. “L’esercizio di riferimento del periodo – spiega la Guzzanti nella nota integrativa – è stato caratterizzato dal termine della produzione del film La Trattativa. Purtroppo le vendite nelle sale cinematografiche non sono state conformi alle aspettative e il rendiconto del distributore reca un saldo negativo per la società”.

La pellicola della Guzzanti, distribuita dalla BiM Distribuzione, fu presentata fuori concorso alla Mostra del Cinema di Venezia dello scorso anno. E il suo arrivo nelle sale fu elogiato da “Il Fatto Quotidiano” (http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/12/30/la-trattativa-continua-una-vittoria-di-noi-cittadini-contro-la-mafia-e-la-corruzione/1297819/).

Tutte cose che non sono servite a sancire il successo de “La Trattativa”.

Advertisements