Berlusconi: Marina taglia in Lussemburgo.

Silvio Berlusconi lancia l’allarme che alle casse di Forza Italia mancano 30 milioni di euro. Ma intanto anche la figlia Marina stringe la cinghia in casa Fininvest, dove è è sempre più tempo di spending review. Qualche giorno fa, infatti, è andata in soffitta una società lussemburghese “storica” del gruppo del Biscione: è stata infatti messa in liquidazione volontaria, durante un’assemblea tenuta davanti al notaio Jean-Joseph Wagner, la Fivecom Sa. Liquidatore è stato nominato l’avvocato Arsène Kronshagen mentre a verificare sulla procedura di chiusura sarà la Lg Management.
Costituita nel 1999 come holding, Fivecom nel 2004 estese il suo oggetto sociale al perseguimento di attività commerciali connesse ai diritti televisivi e cinematografici visto che due anni prima Fininvest aveva riorganizzato le attività lussemburghesi trasferendo parte degli asset a Trefinance e parte a Fivecom. Ma quest’ultima non ha fatto che accumulare perdite su perdite e a fronte di un capitale di 50.000 euro e riserve per 55.000 euro, il passivo a fine 2013 è salito a quasi 5,1 milioni mentre il debito verso Trefinance era di 5,5 milioni. Peraltro dentro la scatola lussemburghese erano rimaste solo la European Communications Limited, in liquidazione, e Rete Europa Bv che oltretutto doveva restituire proprio a Fivecom la bellezza, rispettivamente, di 3,8 milioni e 75,6 milioni, frutto di affidamenti il cui valore è stato portato a zero. Ora la lussemburghese sparisce e Fininvest nel Granducato mantiene una presenza societaria solo con Trefinance, cuore della tesoreria estera del gruppo presieduto dalla figlia dell’ex cavaliere ed ex premier.

Advertisements