Carlà e il clan Agnelli in buona Compagnia.

Questa volta l’eterno secondo ce la farà. Alla vigilia del suo 6oesimo compleanno, Luca Remmert dovrebbe – salvo sorprese – subentrare il prossimo 3 febbraio come presidente della Compagnia San Paolo, grande fondazione e azionista forte di Intesa Sanpaolo, al dimissionario Sergio Chiamparino che corre col Pd per le regionali. Remmert, attualmente vicepresidente, è seduto sul secondo gradino dal 2008, quando numero uno della Compagnia era Angelo Benessia, influente avvocato d’affari del capoluogo piemontese.

Qualcuno sussurra malignamente, fra i tavoli del rinnovato ristorante Il Cambio o fra i caffè storici della città, che Remmert diventerà numero uno sia perché pare sostanzialmente “innocuo” verso i grandi azionisti pubblici della fondazione, sia perché fra un anno e mezzo, quando non potrà più essere ricandidato, verrà sostituito da Paolo Montalenti, giurista nel cuore di Enrico Salza, che ancora conta moltissimo nei giochi del potere torinese e che oggi presiede Banca Fideuram del gruppo Intesa.

Certo è che con la nomina di Remmert arriva ai vertici della fondazione una strana “compagnia”. Luca, imprenditore nel settore agricolo con la tenuta La Bellotta e con alcuni incarichi passati in Unicredit e oggi fra l’altro nel consiglio dell’Acri, è infatti fratello di Daniela e Maurizio Remmert. Come tale, quindi è zio di Carla Bruni Tedeschi, ex “premiere dame” dell’Eliseo e moglie di Nicolas Sarkozy: che è figlia naturale di Maurizio, il quale ebbe una storia d’amore con Maria Tedeschi quando era sposata con l’imprenditore Alberto Bruni. Daniela, Luca e Maurizio Remmert sono figli di Giorgio, noto imprenditore torinese scomparso qualche anno fa.

Ma non solo. Perché, oltre ai legami coi Sarkozy, attorno al futuro presidente della Compagnia San Paolo si stende il cerchio magico della famiglia più potente di Torino e per molti anni anche d’Italia: gli Agnelli, Daniela Remmert, infatti, ha sposato Andrea Nasi, esponente di uno dei rami principali della dinastia sabauda assieme ai Brandolini D’Adda, ai Camerana e ai Ferrero di Ventimiglia. Figlio di Daniela, e quindi nipote di Luca Remmert, è Alessandro Nasi, socio accomandatario della cassaforte Giovanni Agnelli & C., e cugino di quel John Elkann che la presiede.

Insomma: l’eterno secondo sbarca finalmente alla presidenza in “Compagnia” di due influenti nipoti.

Advertisements