La lenta enciclopedia di Passera.

A parte il suo futuro politico e i destini del suo libro “Io siamo”, a quattro anni dalla sua costituzione cominciano, ma molto lentamente, a macinare ricavi i risultati di Encyclomedia (Em) Publishers, società la cui maggioranza l’ex ministro dello sviluppo Corrado Passera ha donato alla moglie Giovanna Salza e ai figli Luigi e Sofia. Nel 2013, infatti, il fatturato è salito a 813 mila euro dai 710 mila del precedente esercizio e la perdita si è ridotta da 264 mila a 89 mila euro, determinata dai costi di innovazione sostenuti per 397 mila euro.
A tuttoggi la società dei Passera ha sostenuto investimenti per 2,6 milioni non solo per acquisire i diritti relativi a Encyclomedia, la monumentale opera di un’enciclopedia multimediale progettata e ancora oggi curata da Umberto Eco, ma anche e principalmente per digitalizzare ed espandere i contenuti dell’opera stessa. Nel dettaglio 1,04 milioni sono stati investiti sui contenuti, progettando anche una linea editoriale cartacea, trasferendo le informazioni in un database online interrogabile e ideando un libro “misto” (cartaceo e digitale) di filosofia per la scuola. Em Publishers è stata costituita da Passera nel 2010 per rilanciare un’idea che aveva avuto ai tempi di Olivetti, rilevando dalla Federico Motta Editore i diritti per proseguire e completare l’opera di Eco.

Advertisements