Sallusti in borsa con la Santanchè.

Alessandro Sallusti sotto la cui direzione “Il Giornale” da anni sta perdendo lettori e denari, si consola entrando a Piazza Affari staccando un biglietto di poche migliaia di euro. La porta d’ingresso al mercato borsistico gliela apre la sua compagna Daniela Santanchè, esponente di Forza Italia e già presente in Borsa tramite Visibilia Editore, quotata all’Aim. Qualche giorno fa, infatti, a Milano nello studio del notaio Fabio Gaspare Panté è stato registrato un atto di “costituzione di usufrutto vitalizio su quote di società a responsabilità limitata”.
L’atto è stato sottoscritto fra la stessa Santanchè, in quanto azionista al 90% di D1 Partecipazioni (l’altro 10% è di Visibilia), e il giornalista. Attraverso l’atto la Santanchè ha costituito a favore di Sallusti l’usufrutto generale vitalizio sul 90% della sua partecipazione per un corrispettivo di 6.083,64 euro. Il diritto di voto su tale quota, ovviamente, resta in carico alla Santanchè in quanto nuda proprietaria.
Quanto vale il regalo dell’esponente di Forza Italia al direttore del giornale di proprietà di Paolo Berlusconi, la cui raccolta pubblicitaria, in un viluppo di affari, cuore e politica, è svolta proprio da Visibilia? L’attivo di D1 Partecipazioni è di quasi 1,2 milioni di euro costituto per 366.000 euro da azioni di Ki Group, quotata all’Aim, e per 817 mila euro da azioni di Bioera, quotata al mercato principale, il cui azionista di riferimento è Canio Giovanni Mazzaro, ex marito della Santanchè. Bioera controlla il 98% della stessa Ki Group, presieduta proprio dalla Santanchè che evidentemente ha fatto una costante della liaison business & love…

Advertisements