Marina B., 7 milioni e passano i dolori.

Marina Berlusconi può consolarsi del dover mollare, causa antitrust, Bompiani, Marsilio e Sonzogni dopo l’operazione “Mondazzoli”. La zarina di Segrate, infatti, s’è appena messa in tasca oltre 7 milioni di euro. Sono arrivati dalla sua Holding Italiana Quarta che detiene il 7,652% di Fininvest, da lei presieduta.
La società ha appena depositato il bilancio chiuso allo scorso settembre e qualche giorno fa a Segrate, Residenza Parco, si è svolta l’assemblea presieduta dalla stessa Marina e alla quale era presente il fratello Pier Silvio, che ha deciso di distribuire all’azionista 7 milioni a titolo di dividendo (pari a 1,52 euro per ciascuno dei 4,6 milioni di azioni) prelevati da quasi l’intero utile di 7,7 milioni, rispetto ai 6 milioni incassati lo scorso anno e che erano stati attinti quasi interamente dalle riserve. E tutto ciò perché Fininvest è tornata a distribuire un dividendo di oltre 6,3 milioni, cui si aggiungono 235 mila euro dalla negoziazione titoli sulle attività finanziarie non immobilizzate pari a 10,3 milioni e 364 mila di interessi della polizza Postafuturo Private. Inoltre nella holding di Marina sono entrati, dopo la chiusura d’esercizio, altri 7,1 milioni a titolo di dividendo straordinario sempre provenienti da Fininvest.
I dolori librari possono passare…

Advertisements