Il Periscopio di ex e lobbisti.

Ci sono almeno due “ex” eccellenti del Palazzo nella nuova avventura editoriale lanciata a Roma qualche settimana fa davanti al notaio Giuseppe Celeste col nome ambizioso di “Editrice Il Periscopio delle Idee srl”: sono l’avvocato Carlo Malinconico, anzitutto, con lungo curriculum fra cui l’essere stato sottosegretario alla presidenza del consiglio del governo Monti con delega sull’editoria, che risulta presidente della newco e socio di maggioranza relativa col 31% mentre col 12% c’è Andrea Monorchio, già Ragioniere generale dello Stato.

Con una quota del 12%, però, figura un altro personaggio molto noto alla cronaca politico-giornalistica romana: Luigi Tivelli. Un “lobbista” della prima ora, autore di decine di libri, di fede laico-repubblicana, ex consigliere parlamentare, segretario di commissioni, capo di gabinetto ai Rapporti con il Parlamento, portavoce di ministri. Tivelli, amministratore delegato della nuova editrice, è stato vicepresidente della fiera del Levante, consulente per i progetti culturali di Montecitorio e, tra le altre cose, ha fondato lo Studio Tivelli, piccola boutique ‘sartoriale’ in cui le strategie vengono confezionate su misura dei clienti e che si offre come ghost writer per articoli, interviste e relazioni a convegni. Tra i soci col 19% anche Giuseppe (“Pino”) Pisicchio, noto politico e giornalista, attualmente presidente del Gruppo Misto alla Camera. Completa l’azionariato col 12% il giovane Francesco Giubilei, editore di “Historica”.

Advertisements