Gli eredi Micheli nel mattone.

Andrea e Carlo Micheli, i due eredi del noto finanziere Francesco, parmigiano d’origine e milanese di adozione che ha appena ospitato il premier Matteo Renzi nella sua bella casa affacciata su Piazza Castello, si lanciano nel business immobiliare. Qualche settimana fa, infatti, sono diventati azionisti ciascuno col 20% di Tortona 35, una newco che punta alla valorizzazione di un complesso sito allo stesso numero civico dell’omonima via milanese, da tempo sede di eventi importanti dedicati al design e alla moda. In via Tortona 35 fino a pochi anni fa c’era la sede di General Electric. Presidente della newco è Pietro Maria Leone Guidobono Cavalchini, azionista al 10%: è uno degli ideatori di Real Step Property Management, società di sviluppo immobiliare costituita assieme a Stefano Sirolli pure lui socio di Tortona 35 con un’analoga quota.

L’ingresso degli eredi Micheli è avvenuto attraverso un aumento di capitale della newco che ha come oggetto “l’attività di ricerca e selezione di immobili da proporre a investitori istituzionali e privati, l’attuazione di due diligence nel settore immobiliare, la compravendita di beni immobili, la costruzione di fabbricati civili e industriali e la gestione di immobili”. Fra i nuovi soci, con quote minori, Giuseppe Monarchi, banchiere del Credit Suisse, e i De Brabant, François guru dell’Ict italiano e il figlio Matteo. Cavalchini e Sirolli hanno all’attivo oltre 300.000 mq di riqualificazioni industriali tra le quali la ex Richard Ginori in via Morimondo e Lodovico il Moro a Milano e La Forgiatura in via Varesina.

Advertisements