Gli “indipendenti” al Sole.

Il consiglio d’amministrazione de Il Sole 24Ore ha nominato lunedì scorso dopo l’assemblea il nuovo amministratore delegato Franco Moscetti. Ma nel board della società editrice del quotidiano di Confindustria, presieduto da Luigi Abete e il cui vice sarà Carlo Robiglio, figurano 3 componenti qualificati come “non esecutivi” e quindi “indipendenti”. Sono Luigi Gubitosi, Patrizia Micucci e Livia Salvini. Il primo è l’ex direttore generale della Rai, la Micucci è membro del Codir della banca francese Sociéte Générale e country officer di SocGen per l’Italia: entrambi sono certamente indipendenti.

Non così può dirsi, in prima battuta, per la Salvini. Avvocato, socio di maggioranza dello studio legale tributario Salvini Escalar e Associati fondato dall’ex presidente della Corte Costituzionale Franco Gallo, la Salvini è l’unica donna fra i tributaristi in testa alla classifica Chambers Global dei fiscalisti italiani, una sorta di “Guida Michelin” del settore. La Salvini è anche componente del collegio sindacale del Partito Democratico. Ma il nuovo consigliere indipendente del quotidiano di Confindustria è anche professore ordinario di diritto tributario all’Università Luiss di Roma, ateneo che è emanazione di Confindustria. Qualificarla come “indipendente”, quindi, pare una forzatura. La Salvini nella casa editrice di Confindustria presiederà il Comitato del board Risorse Umane e Remunerazioni e siederà nei comitati Controllo e Rischi e Operazioni con Parti Correlate.

Si può ben dire che il consigliere indipendente Salvini è molto correlato all’azionista di maggioranza…

Advertisements